E’ stato un weekend all’insegna degli imprevisti quello appena conclusosi sul tracciato di Misano che ha visto il team Duell Race impegnato sul fronte del Campionato Italiano Gran Turismo e nel round 3 e 4 della Carrera Cup Italia: a partire infatti dal meteo che fino a 20 minuti prima della gara ha messo in forse il regolare svolgimento di questo secondo appuntamento dedicato alle vetture Gran Turismo, passando al risultato finale che sembrava ormai guadagnato e certo sino ad un giro dal finale per il trio Carboni – La Mazza – “Mark Speakerwas” su Porsche 911 GT3 CUP numero #123.

Prove libere caratterizzate da un modesto sole e da una pausa dagli acquazzoni ricorrenti anche nelle settimane precedenti e attesi per qualifiche e gara: lavoro di messa a punto della vettura in vista di un setup ibrido adatto sia a pista asciutta che possibile utilizzo di gomme Rain, cosi come gia successo nel primo appuntamento di Monza lo scorso Aprile.

Analogo il discorso delle qualifiche con i primi due stint graziati dal meteo che vedono in Q1 Carboni primeggiare sui diretti avversari di classe GT Light, tutti su Lamborghini Huracan ST, e in Q2 La Mazza a ruota delle vetture #102 e #134 che lo precedono di poco. Ma il tutto cambia in Q3 dove “Mark Speakerwas” al volante della Porsche del Team Duell Race trova pioggia nel suo primo giro lanciato e accodato ad uno dei suoi diretti avversari per evitare inutili rischi di tamponamento deve chiudere con il piede del gas parzializzato e si piazza in seconda posizione. La somma dei 3 crono attesta la Porsche GT3 CUP in terza posizione a solo un decimo di secondo dalla vettura #102.

Domenica pomeriggio, ore 14:40: la gara precedente l’endurance GT viene annullata causa impraticabilità della pista. Ancora una volta un forte temporale mescola le carte ma la partenza alle 15:40 è confermata al limite, si corre!

Sotto la safety car prende il via il lungo Run di Francesco La Mazza che dalla quindicesima posizone dell’assoluta si guadagna il secondo posto ed al giro #20 sale al comando del gruppo del GT Light. Grande battaglia e grande la prestazione che vede alternarsi La Mazza tra primo e secondo posto sino al giro #28 dove dopo un perfetto Pit Stop per rifornimento e cambio gomme passa al volante Gianluca Carboni.

Alla chiusura della finestra dei cambi pilota, ristabilite le posizioni di gara, la vettura #123 della Duell Race con Carboni alla guida è salda in seconda piazza del GT Light; Carboni giro dopo giro rimonta sulla vettura #102 di Michelotto ed al giro #41 con un buon sorpasso si pone al comando e al tredicesimo posto assoluto per non lasciarlo piu’ sino alla fine del turno di gara, guadagnado vantaggio giro dopo giro.

E’ quindi la volta di “Mark Speakerwas” che rientra in gara dopo la sosta ai box occupando la prima posizione con un giro di vantaggio su uno dei diretti avversari ed un ottimo margine sul secondo inseguitore. Amministrando il vantaggio si avvicina al fine gara ma al giro #86 un contatto causato da una vettura di classe GT3 incrina le speranze sin qui riposte sul finale vittorioso: chiuso quindi un pessimo giro con 8 secondi di ritardo sulla media e con la vettura non piu’ in perfette condizioni si susseguono un paio di tornate veloci ma ormai la Lamborghini #102 di Cristoni – Michelotto – Skaras è alle spalle. E per scongiurare un’uscita di pista o un rovinoso lungo a danno di altri equipaggi il sorpasso è inevitabile. Ad un solo giro dalla fine la vettura #123 di Duell Race perde la testa del gruppo GT Light e chiude quindi con un’amara seconda piazza a soli 6 secondi dalla Huracan dopo 3 ore 2 minuti e 28 secondi di gara.